Letteralmente libertà

Letteralmente libertà. Libertà di improvvisare una tavola che di volta in volta si trasforma in un bosco, in un campo brulicante di foglie, fiori, alberi, farfalle, forme e colori. È così che la tavola si arricchisce di suggestioni, ed è il piatto stesso, con la sua vitalità, a stimolare l’idea di un cibo, di un profumo, di un desiderio. “Freedom” è un manifesto programmatico di libertà, dedicato a chi non si accontenta di una tavola preconfezionata, ma desidera cimentarsi nell’esperienza inebriante della creazione.